Il Panorama da Santa Perpetua

Ve ne avevo già accennato in un altro articolo relativo alle bellezze della contrada di Madonna di Tirano e in quell'occasione avevo detto che avrei scritto per la chiesa di Santa Perpetua un testo dedicato. Questa scelta è dovuta principalmente alla bellezza del posto e al panorama che da qui si può ammirare, ma anche al significato che per noi ha questo luogo.

 

La Rotonda venne costruita dov'è ora nel 1964 ma già prima, a poche decine di metri da qui, la nostra famiglia aveva un ristorante. Quindi è come se la chiesa di Santa Perpetua ci abbia sempre un po' "protetto", coprendoci le spalle.

 

Ma bando ai sentimentalismi... la Xenodochio, a picco sulla valle, gode di una posizione privilegiata e panoramica. Originario del X secolo ha al suo interno dei dipinti recentemente riportati alla luce e ristrutturati. La chiesa purtroppo è aperta solo in occasione della festa di Santa Perpetua, il 7 marzo, e nei mesi di luglio e agosto il giovedì alle 19,45. Vale comunque la visita lo stupendo panorama che da qui si gode, su tutta la conca di Tirano ed oltre.

 

Per raggiungere Santa Perpetua ci sono tre strade: la prima, di recente costruzione, parte dalla piazza del Santuario a fianco del Museo Etnografico e, dopo aver attraversato il fiume Poschiavino, si inerpica in mezzo alle vigne per raggiungere, in meno di 15 minuti, la nostra meta. La seconda è quella storica e parte poche centinaia di metri prima del confine con la Svizzera. Dalla cappella sulla strada inizia una mulattiera che, attraverso il bosco, vi porterà a Santa Perpetua in una ventina di minuti. Per i più pigri che però non vogliono perdersi la fantastica vista è possibile raggiungere la chiesetta anche in macchina (attenzione però perchè non c'è parcheggio e sulla strada ci stanno a malapena due automobili!). L'imbocco della strada si trova appena fuori Tirano, sulla SS38, a destra dopo la vecchia centrale idroelettrica: in meno di 5 minuti sarete a destinazione.

Scrivi commento

Commenti: 0